Legge anti-abbandono: per saperne di più

Legge anti-abbandono: per saperne di più

Approvato al Senato il disegno di legge che a partire dal 1 Luglio 2019 obbliga i genitori a utilizzare un dispositivo di allarme per evitare l’abbandono involontario e inconsapevole per i propri figli di età inferiore ai 4 anni, pena una sanzione pecuniaria da 81 a 326 euro. In caso di recidiva nell'arco di un biennio è prevista la sospensione della patente da 15 giorni a due mesi.

Una misura necessaria a contrastare il fenomeno di “amnesia dissociativa” che negli ultimi anni, causa il forte stress a cui i genitori sono sottoposti, ha causato tragiche morti di minori dimenticati in auto.

Con l’approvazione del disegno di legge il passo principale è di rilevare la presenza del bambino all'interno dell’automobile: una modifica all'articolo 172 del Codice della Strada fondamentale per salvare la vita dei nostri figli, per evitare che una banale distrazione scaturisca in una tragedia che segna per sempre la vita di un padre, di una madre, di un’intera famiglia.

Porti tuo figlio al nido, poi di corsa al lavoro, parcheggi, chiudi l’auto e ti tuffi nella routine quotidiana: invece accade un orribile e tremendo black out temporaneo della mente che porta a dimenticare un pezzo della propria esistenza scatenato da momenti di intenso stress, traumi o situazioni di particolare tensione e stanchezza.

C’è un grande fermento e interesse intorno a questo dispositivo, soprattutto dopo che la cronaca ha registrato un numero crescente di casi in cui la mamma o il papà dimenticano il proprio figlio in auto convincendosi di averlo lasciato all'asilo e o altrove.

Il panorama dei dispositivi anti-abbandono è variegato e offre opportunità per tutte le tasche.
All'interno del seggiolino è possibile installare un dispositivo in grado di connettersi via Bluetooth al proprio smartphone: salendo in macchina, telefono e seggiolino si connettono e poi i sensori fanno il resto. Rilevato il bimbo a bordo e il telefono si allontana dall'auto, si possono attivare due tipi di allarme: il primo scatta con una notifica sullo smartphone, il secondo invia messaggi ai numeri di emergenza.
Intorno al mondo dei dispositivi si sviluppa il sistema delle App che vi consentono di impostare la modalità “Promemoria bimbo in auto” quando ci si mette alla guida.
La nuova legge obbliga a utilizzare un dispositivo anti-abbandono ma non fa riferimento diretto al sistema che debba essere utilizzato, che sia a integrazione o già predisposto.
Afferma anche che “possono essere previste agevolazioni fiscali nel rispetto della normativa europea sugli aiuti di Stato” ma ancora non sono stati definiti i dettagli.

Prevista anche una campagna informativa curata dal Ministero della Salute sul nuovo obbligo, sulle modalità di utilizzo dei dispositivi e sui rischi derivati dall'amnesia dissociativa.

Related Posts:

Leave a Reply

All fields are required

Name:
E-mail: (Not Published)
Comment:
Type Code